Quella volta che in cui Edward ha lasciato a casa le catapulte

Probabilmente la cosa più nota di tutto il regno di Edoardo II è la sua sconfitta da parte degli scozzesi, alla grande battaglia di Bannockburn, nel 1314, che rese la Scozia a tutti gli effetti un paese indipendente per diversi anni. In fatti di guerra, Edward era il contrario di suo padre, Edward I, il cosiddetto ‘martello della Scozia’, che effettivamente sottomise gran parte di quel paese, e anche di suo figlio, Edward III, che avrebbe intrapreso con successo la Guerra dei Cento Anni contro la Francia, portando i suoi eserciti a vittorie leggendarie come le battaglie di Sluys, Crécy e Poitiers. Il nostro Edward non era un grande generale, e a parte qualche battaglia minore, perse quasi sempre. Addirittura, nel 1319 per liberare Berwick-upon-Tweed dagli scozzesi, cinse la città d’assedio – dimenticandosi di portare le macchine d’assedio! Sicuramente, avrebbe preferito mantenere sempre la pace, su questo non ci piove. Più volte rimandò campagne contro la Scozia, e le poche volte che mostrò grandi abilità politiche e diplomatiche per lo più o cercava di aiutare un suo favorito di corte oppure cercava di evitare scontri bellici. Tutto questo contribuì a creare la pessima fama che ha perseguito Edward attraverso i secoli. Nel medioevo, ci si aspettava da un re soprattutto capacità militari, e la sua popolarità sia con i contemporanei che con i posteri dipendeva soprattutto dai suoi successi sul campo di battaglia. Basta pensare a Re Riccardo I, Cuor di Leone. Lasciò suo regno nei guai economici e politici più profondi, ma in quanto grande combattente viene ricordato da tutti. Infatti, c’è un lato positivo di questo aspetto del carattere di Edward: fare la guerra era costosissima, e mentre suo padre gli lascio l’Inghilterra con gravi debiti, Edward alla fine del suo regno lasciò le casse della corona in ottimo stato. Certo, da buon pacifista, la vita da eremita tra le verdi colline dell’Oltrepò Pavese in Italia, come viene descritto nella Lettera Fieschi, gli sarà sicuramente piaciuta…

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s