Historian Dr Luciano Maffi interviewed on the Fieschi Letter and the Auramala Project

Interview with Historian Luciano Maffi Ph. D

30 January 2013

Doctor Luciano Maffi, currently a researcher into Modern History at the University of Brescia, is a native of Godiasco, in the Staffora Valley, where Edward II may have lived. As an active participant in the Auramala Project, we feel Doctor Maffi is the right person to illustrate why it requires local knowledge and skills to carry out Phase 2 of the Auramala Project, the archival research. So far, the problem of Edward II’s fate and the veracity of the Fieschi Letter has mainly been considered by English speaking historians, on the basis of evidence available in England. Now, the Auramala Project is bringing Italian archives, historians and historical documents into play. Ivan Fowler interviewed Maffi at the Delfino Bookshop of Pavia, where The World of Tels launched The Maria Fuga Cooking Club in December 2012.

Note: the full transcription of this interview is available in the original Italian, together with a sound recording. Please write to ilmondoditels@gmail.com
Ivan Fowler: Doctor Luciano Maffi, first of all thank you for coming to speak with us today. I would like you to begin by telling us something about yourself, your studies, and what you do.
Luciano Maffi: I graduated in Letters with a thesis on medieval history, here at the University of Pavia, in the year 2000. I then completed my Ph. D. in history at the Catholic University of Milan. I have always studied medieval and modern history, and in particular economic and social history,  so far linked mainly to the territories of Lombardy, Liguria and Piedmont. I come from the Oltrepò Pavese, which is the southernmost portion of the Province of Pavia.
IF: Now, you have had the chance to examine a photographic reproduction of the so-called Fieschi Letter, by Manuele Fieschi, which is addressed to the King of England, Edward III. In your opinion, is this a 14th century letter? Realistically from this area [the Oltrepò Pavese, Ed.]?
LM: The letter we have been able to examine, in the form of a photographic reproduction, is definitely in a 14th century hand considering the script. In it there are many elements which identify it as more of a narrative letter than a chancellery document, therefore a letter addressed to a person, almost what we could call an epistula, rather than a chancellery document. Furthermore we find many highly detailed references to people and places. Some of these places, in particular Cecima and Melazzo, are to be found within Lombardy and Piedmont. We have, however, speculated, carefully reading through the text, that the references to Castro Milasci might indicate another locality [with respect to Melazzo, Piedmont, Ed].
IF: Indeed, let me explain straight away to our listeners that there is a town in Piemonte, called Melazzo, which is so sure that it is the place mentioned in the letter as Castro Milasci, that is has erected a plaque, a monument, to the passage of Edward II, and this is still visible in that town. However, you are almost sure that, if the letter was written in good faith, it may refer not to Melazzo in Piedmont, but to a ‘Mulazzo’ in Lunigiana, that is, in the north of Tuscany. Can you explain why?
LM: Precisely because of the author of the letter, a Fieschi. The Fieschi family was a Ligurian family, and had kinship ties with the Malaspinas, another powerful family in this region, whose feudal dominions lay in the Apennines of Liguria [including the Staffora Valley, where Cecima is found, Ed.], Piedmont and, above all, Lunigiana, which is now in northern Tuscany. You know, it would be interesting to look at the family ties between the Fieschis and the Malaspinas in these territories, precisely because, as far as Mulazzo is concerned, it is found spelled as Mulasci, Milasci… So, it could be supported by documents to be further examined.
IF: How could we verify which of the two localities, Melazzo Piedmont or Mulazzo Lunigiana, is the exact one to which the Fieschi Letter refers?
LM: It will be necessary to seek historical evidence through an investigation of the original source documents. This will be possible only by going to see, and study, the archive documents. Both of these hypotheses could make sense, but they must be investigated in loco, on documents of the time, in other words 14th century documents.
IF: If I may, in order to explain this to non-historians, since in the Fieschi letter we find the spelling Milasci, we could go to examine documents from the same era which refer to Melazzo Piemonte or Mulazzo Lunigiana, and see how those towns’ names were spelled at the time, and see which of the two was spelled Milasci, is that correct?
LM: Yes.
IF: And, as far as you are aware, have there been concrete examples in history of, let’s say, collaboration, even intrigue, between the Fieschis and the Malaspinas? Did the Malaspinas ever hide people who would otherwise have been fugitives?
LM: The Malaspinas held dominion over an area that was central to communications and travel, but which today we would define as peripheral or marginal from the strategic point of view, as far as social and above all economic resources were concerned. That allowed them, over the centuries, to be highly respected, powerful lords, but free of concern that the greater powers around them might try to conquer their territories. This meant that the great lords that came and went around them remained their friends. And this, in turn, allowed them, within their castles and on their lands, to maintain an almost unconditional powerbase, and control the situation very, very strictly. A meaningful example of this happened centuries later, with the famous escape, the swashbuckling escape, of Giovanni de Medici, who was soon to become Pope Leone X, one of the great Renaissance popes. The Pope had been taken prisoner by the French in Ferrara, and was being taken to France by the troops as they returned home. You know, at the ford of Peive del Cairo on the River Po he was rescued, and taken to the Castles of the Malaspinas. This happened nearly two centuries later, in 1512, but it shows you how, in their dominions in the Apennines, it was possible for powerful and notable people to find refuge.
IF: Very interesting. Now, another mystery surrounding the Fieschi Letter and the area of the Staffora Valley, is that the letter clearly and without doubt refers to Edward II living in Cecima [a town on the River Staffora, low in the valley, Ed.] Local legend says that there was once an English king in the region, but not in Cecima. It says he was in Sant’Alberto, which is a beautiful Abbey high on a mountain, but is not mentioned in the letter. In your opinion is it necessary to compare the local legend and the Fieschi Letter from this point of view?
LM: Well, there is this legend, passed down from generation to generation, and in the Abbey of Sant’Alberto there is a tomb which is said to be the ‘first tomb of Edward II’. The Abbey of Sant’Alberto was actually founded by the Malaspinas, and is not far from the Castle of Cecima. We might say that Cecima was a better known location in this territory, to mention also in an official document. Probably it was also the most important castrum nearby, and so to refer to a well-known location, a kind of thoroughfare, that different interlocutors would be familiar with, it would certainly have been more meaningful to mention the Castle of Cecima rather than the Abbey.
IF: You speak of ‘a kind of thoroughfare’. Do you say thoroughfare because the Salt Roads passed that way?
LM: You know, the Staffora Valley, and the other valleys bordering on it, Curone Valley and the Trebbia Valley further south… through these valleys passed the communication infrastructures of the time, the mule roads, the paths, that were used to cross the Apennines from the Po Plains in the direction of Liguria, and so the port of Genova, or in the direction of Tuscany, and toward the centre of Italy. Therefore a constant flow of goods and people moved through these areas.
IF: So we could suppose that Edward III, upon receiving the Fieschi Letter, might have spoken to merchants who had passed through these lands, and asked them about Cecima, assuming that, along the Salt Roads (as we call them today), they would have seen Cecima, and not the Abbey of Sant’Alberto which is high in the mountains, and is a bit more remote than Cecima.
LM: Yes, this could be the reason. Choosing to mention a well-known location in a precise way in the document, took into consideration the possible addressee of the letter… No, not possible, the certain addressee. We can say that the truthfulness of the letter itself is in doubt, we don’t know if it is in good faith or simply a lie, but it is certain that it was addressed to Edward III, and to him they mention a well-known location rather than somewhere relatively unknown.
IF: In fact, if I’m not wrong, the letter speaks of Cecima as being ‘in the Diocese of Pavia’. That is a fact that can’t be taken for granted though, given that the lands around Cecima are, and were, in the Diocese of Tortona, isn’t that so?
LM: Cecima, already at that time, was an enclave of the Diocese of Pavia in the Apennines of Pavia. An enclave that derived from ancient imperial concessions, made by the Emperor to the Bishop of Pavia. Still today Cecima, and San Ponzo, a nearby location, are in the Diocese of Pavia, and both still boast beautiful Romanesque churches from the time. This ecclesiastical association, different to all the surrounding areas which are in the Diocese of Tortona or that of Piacenza, is highly significant.
IF: So, the person who wrote the letter knew these lands well?
LM: Whoever wrote the letter certainly had extensive knowledge of ecclesiastical affairs, and could have been a well educated man of the church. We must not forget that the Fieschis were a very important Ligurian family, and had vast dominions in the Apennines. So, it is probable that he [Manuele Fieschi, Ed.] had a great deal of geographical information about this area.
IF: Which archives in the north of Italy would it be most important to explore, in order to try and get to the bottom of the this mystery?
LM: There are many archives, both civil and ecclesiastical, that could be used today for this type of investigation, and archives kept in certain cities in Northern Italy. In particular the State Archives of Pavia, and of Vercelli, where the Diocese Archives will also be important, and the State Archives of Genoa. Then there are some local archives, in particular those of the aristocratic families that dominated the Apennines in the 14th century. I’m referring to the Malaspina Archives of Godiasco and of the Malaspina Studies Centre of Mulazzo. These archives may give us new information on toponyms, but also reveal information concerning the genealogy and locations, the relationships among people.
IF: Thank you. I have just one last question. In your opinion, what will be the greatest difficulties that we will have to overcome in order to bring the Project to a successful conclusion?
LM: The difficulties concern both the people who carry out the research, who will certainly have to be highly knowledgeable about the geography of this region, but also about the families and their kinship ties. Another difficulty is linked to access to these archives, at a logistical level. Unlike the State and Diocese Archives, which have access hours and staff on hand to help researchers, others, in particular the family archives, are still today the property of private individuals and town councils in the Apennines. This means that we have to seek out opportunities for access to them. Therefore there are two different levels of difficulty, one of a simply logistical nature, and the other related to skills, to the ability of researchers to work with a very substantial mass of documents. As far as the 14th century is concerned, still today mostly documents of a political or institutional nature have been examined. Documents considered by political and institutional historians to be of marginal, secondary importance, such as notarial acts, contracts of sales and purchases, but also letters, have been largely ignored. But these are the documents that may give us a great many detailed insights into, for example, the contents of the Fieschi Letter.
IF: Thank you.

———————————-

Intervista allo storico Dottor Luciano Maffi sulla Lettera di Fieschi e il Progetto Auramala

5 Febbraio 2013

Intervista allo storico Dottor Luciano Maffi

30 Gennaio 2013

Il Dottor Luciano Maffi, ricercatore di Storia Moderna all’Università di Brescia, è nato a Godiasco, nella Val Staffora, dove Edoardo II potrebbe aver vissuto. In qualità di partecipante attivo nel Progetto Auramala, pensiamo che il Dottor Maffi sia la persona più adatta per spiegare perchè serva una conoscenza del luogo e abilità per portare avanti la Fase 2 del Progetto Auramala, ovvero la ricerca in archivio. Fino ad ora il mistero sul destino di Edoardo II e la veridicità della Lettera di Fieschi è stato preso in considerazione soprattutto da storici inglesi, sulla base delle prove accessibili in Inghilterra. Ora invece il Progetto Auramala sta mettendo in gioco anche gli archivi, gli storici e i documenti storici italiani. Ivan Fowler ha intervistato Maffi alla libreria Il Delfino di Pavia, dove The Word of Tels aveva lanciato il Maria Fuga Cooking Club nel Dicembre del 2012.

Nota: l’intervista integrale è disponibile in italiano insieme all’audio. Scrivere cortesemente a ilmondoditels@gmail.com

Ivan Fowler: Dottor Luciano Maffi. Innanzitutto grazie per essere venuto a parlare con noi oggi. Vorrei che cominciasse raccontandoci qualcosa su di lei, sui suoi studi e di cosa si occupa.

Luciano Maffi: Mi sono laureato in Lettere con una tesi sulla storia medievale qui all’Università di Pavia nel 2000. Ho fatto poi un Dottorato in storia all’Università Cattolica di Milano. Ho sempre studiato la storia medievale e moderna, e in particolare la storia economica e sociale, fino ad ora soprattutto in rapporto ai territori lombardi, liguri e piemontesi. Vengo dall’Oltrepò Pavese, che è la parte più a sud della provincia di Pavia.

IF: Ora ha avuto finalmente la fortuna di esaminare una ripoduzione fotografica della così detta Lettera di Fieschi, di Manuele Fieschi, indirizzata al Re di Inghilterra, Edoardo III. Secondo lei potrebbe essere una lettera del XIV secolo?

LM: La lettera che abbiamo potuto esaminare sotto forma di riproduzione fotografica è senza dubbio stata scritta nel XIV secolo, tenendo conto del manoscritto. Compaiono elementi che ci portano a pensare che sia una lettera narrativa piuttosto che un documento di cancelleria, un documento indirizzato innanzitutto a una persona, che potremmo chiamare quasi un epistula, piuttosto che un documento di cancelleria. In più troviamo molti riferimenti altamente dettagliati a persone e luoghi. Altri posti, in particolare Cecima e Melazzo, sono localizzati tra la Lombardia e il Piemonte. Abbiamo comunque presupposto, leggendo attentamente attraverso il testo, che i riferimenti a Castro Milasci potrebbero indicare un’altra località (con tutto il rispetto per Melazzo, in Piemonte).

IF: A questo proposito mi faccia spiegare chiaramente ai nostri ascoltatori che c’è una città in Piemonte, chiamata Melazzo, che è con certezza menzionata nella lettera come Castro Milasci, che ha eretto una targa e un monumento per il passaggio di Edoardo II, e questo è ancora visibile in città. Ma in ogni caso lei è abbastanza sicuro che, se la lettera è stata scritta in buona fede, potrebbe riferirsi non a Milazzo in Piemonte ma bensì a Mulazzo in Lunigiana, ovvero nel nord della Toscana. Può dirci perchè?

LM: Proprio per l’autore della lettera, cioè Fieschi. La famiglia Fieschi aveva origini liguri e legami di parantela con i Malaspina, un’altra potente famiglia di questa regione, i cui domini feudali si estendevano negli Appenini Liguri (inclusa la Val Staffora, dove si trova Cecima), nel Piemonte, e soprattutto, nella Lunigiana, che ora si trova nel nord della Toscana. Come vede, sarebbe interessante guardare tra i legami famigliari tra i Fieschi e i Malaspina in questi territori, proprio perchè, almeno per quanto riguarda Mulazzo, è stato trovato scritto come Mulasci, Milasci…Perciò potrebbe essere supportato da documenti che dovranno essere analizzati in un secondo momento.

IF: Come possiamo verificare quale della due località è quella nominata nella Lettera di Fieschi, se Melazzo in Piemonte o Mulazzo in Lunigiana?

LM: Sarà necessario ricercare evidenze storiche invesigando nei documenti originali. Questo sarà possibile solamente andando a vedere e studiano i documenti d’archivio. Entrambe le ipotesi hanno senso, ma devono essere investigate in loco, su documenti del tempo, in altre parole su documenti del XIV secolo.

IF: Se posso, in modo da poter spiegare tutto questo anche a degli non-storici, visto che nella Lettera di Fieschi troviamo scritto Milasci, potremmo esaminare i documenti dello stesso periodo e vedere tra i riferimenti a Melazzo in Piemonte e Mulazzo in Lunigiana, come queste città vengano scritte, e guardare quale delle due corrisponde a Milasci, o sbaglio?

LM: Esatto.

IF: E, per quanto ne sappiamo noi, ci sono stati esempi nella storia di, diciamo, collaborazioni o intrighi tra i Fieschi e i Malaspina? I Malaspina hanno mai nascosto persone che diversamente sarebbero state fuggitive?

LM: La dominazione dei Malaspina era su un’area considerata centrale per le communicazioni e i viaggi, ma che oggi potremmo definire periferica o marginale da un punto di vista strategico, per quanto riguarda le risorse sociali e soprattutto economiche. Questo gli ha dato diritto, durante i secoli, ad essere dei potenti padroni altamente rispettati, ma liberi dalla preoccupazione che le grandi potenze attorno a loro potessero cercare di conquistare i loro territori. Questo significa che i grandi signori che andavano e venivano da loro restavano alleati. E questo, dal canto loro, gli permetteva di mantenere un potere quasi incondizianato sui loro castelli e sulle loro terre, e di avere un totale controllo della situazione. Un esempio significativo succedderà secoli più tardi con la celebre e spavalda fuga di Giovanni de Medici, che a breve sarebbe diventato Papa Leone X, uno dei più grandi Papi del Rinascimento. Il Papa era stato fatto prigioniero dai francesi stanziati a Ferrara, e portato poi in Francia dalle truppe una volta ritornate a casa. E poi come sapete fu salvato al Forte di Pieve del Cairo sul fiume Po e portato al Castello Malaspina. Questo successe circa due secoli dopo, nel 1512, ma mostra come nei loro domini negli Appennini fosse possibile per delle persone potenti e illustri trovare rifugio.

IF: Molto interessante. Adesso un altro mistero attorno alla Lettera di Fieschi e all’area della Val Staffora è quello che la lettera chiaramente e senza alcun dubbio si riferisce al soggiorno di Edoardo II a Cecima (città sul fiume Staffora, nella parte bassa della regione). Leggende locali narrano che una volta c’era un re inglese in quella regione, ma non a Cecima. Si dice fosse in Sant’alberto, una bellissima Abbazia sulla cima della montagna, ma questo non è menzionato nella lettera. Secondo lei è necessario confrontare questa leggenda locale e la Lettera di Fieschi da questo punto di vista?

LM: Beh, c’è una leggenda trasmessa da una generazione all’altra, e nell’Abbazia di Sant’alberto c’è una tomba che si dice sia “la prima tomba di Edoardo II”. L’Abbazia di Sant’alberto è stata tra l’altro fondata dai Malaspina, e non è troppo lontano dal Castello di Cecima. Possiamo dire che Cecima era una località così conosciuta in questo territorio da essere menzionata anche in un documento ufficiale. Probabilmente era il più importante castrum nelle vicinanze. Perciò se proprio ci si voleva riferire ad una località ben conosciuta, una sorta di strada principale che molti interlocutori avrebbero riconosciuto familiare, sarebbe stato sicuramente meglio riferirsi al Castello di Cecima e non all’Abbazia.

IF: Lei parla di “una sorta di via principale”. La chiama così perchè le Vie del Sale passavano di là?

LM: Vede, la Val Staffora, e le altre valli attorno, la Val Curone e la Val Trebbia più a sud…attraverso queste valli passava la comunicazione del tempo, le vie dei muli, i sentieri che erano usati per attraversare gli Appenini dalla pianura del Po verso la Liguria, fino al porto di Genova, o in direzione della Toscana, e attraverso il centro Italia. Di conseguenza un flusso costante di beni e persone passavano per queste zone.

IF: Perciò potremmo dire che Edoardo III, dopo aver ricevuto la Lettera di Fieschi, potrebbe aver parlato con dei mercanti che passavano in queste zone e potebbe avergli fatto domande su Cecima, assumendo che, lungo le Vie del Sale (come vengono chiamate oggi), avessero visto Cecima, e non l’Abbazia di Sant’alberto che è in cima alle montagne, e un po’ remota rispetto a Cecima.

LM: Sì, questo potrebbe essere un motivo. Scegliere di menzionare un luogo ben conosciuto in una precisa maniera nel documento, tenendo in considerazione il possibile destinatario della lettera…No, non è possibile conoscere il destinatario con certezza. Possiamo quasi dire che la veridicità stessa della lettera è messa in dubbio, non sappiamo se sia in una buona fede o se sia semplicemente una bugia, ma quello che è certo è che il mittente sia Edoardo III, e a lui viene menzionata una località ben nota piuttosto che un posto relativamente sconosciuto.

IF: Effettivamente se non mi sbaglio, la lettera parla di Cecima come se fosse una “Diocesi di Pavia”. Ma questo non può essere preso per vero, visto che i territori attorno a Cecima sono, ed erano, nella Diocesi di Tortona, non è così?

LM: Anche a quel tempo Cecima era un enclave della Diocesi di Pavia negli Appennini di Pavia. Un enclave che era il risultato di antiche concessioni imperiali fatte dall’Imperatore al Vescovo di Pavia. Ancora oggi Cecima e San Ponzo, una località lì vicino, sono nella Diocesi di Pavia, ed entrambe vantano ancor’oggi bellissime chiese romaniche del tempo. Questa associazione ecclesiastica, diversa da tutte quelle nelle zone circostanti delle Diocesi di Pavia e Tortona, ha un grande significato.

IF: Quindi la persona che ha scritto la lettera conosceva bene queste zone?

LM: Chiunque abbia scritto la lettera aveva sicuramente un’ampia conoscenza degli affari ecclesiastici, e potrebbe essere stato un istruito uomo di chiesa. Non dobbiamo dimenticare che i Fieschi erano al tempo un’importante famiglia ligure e avevano vasti domini negli Appenini. E’ perciò probabile che Fieschi avesse un bel po’ di informazioni geografiche su quest’area.

IF: Quali sono gli archivi del nord Italia più utili da analizzare in modo da cercare e arrivare a capo di questo mistero?

LM: Ci sono molti archivi, sia civili che ecclesiastici, che potrebbero essere utilizzati per questo tipo di investigazione, e archivi conservati in alcune città del Nord Italia. In particolare l’Archivio Storico di Pavia e di Vercelli, dove gli Archivi della Diocesi sarebbero anche importanti, e gli Archivi Statali di Genova. Poi ci sono alcuni archivi locali, in particolare quelli delle famiglie aristocratiche che dominavano gli Appenini nel XIV secolo. Mi riferisco agli Archivi Malaspina di Godiasco e al Centro Studi Malaspina di Mulazzo. Questi archivi potrebbero darci nuove informazioni sui toponimi, ma anche rivelarci informazioni sulla genealogia e sui luoghi, sulle relazioni tra le persone.

IF: Grazie. Ho solo un’ultima domanda. Secondo lei, quali saranno le più grandi difficoltà che dovremo affrontare in modo da arrivare col Progetto ad una conclusione soddisfacente?

LM: Le difficoltà riguardano sia le persone che portano avanti la ricerca, che sicuramente dovranno avere un’altissima conoscenza sulla geografia della regione, ma anche sulle famiglie e sui loro legami di parentela. Da un punto di vista logistico un’altra difficoltà è legata all’accesso a questi archivi. Diversamente dagli Archivi Statali e della Diocesi, che hanno degli orari di apertura e del personale a portata di mano pronto ad aiutare i ricercatori, gli altri, in particolare gli archivi di famiglia, sono ancora oggi proprietà di individui privati e assemblee cittadine negli Appenini. Questo significa che dobbiamo trovare il modo di accedervi. Ci sono quindi due livelli differenti di difficoltà, uno di natura semplicemente logistica, e l’altro relativo alle capacità e alle abilità dei ricercatori a lavorare con una sostanziale massa di documenti. Per quanto riguarda il XIV secolo, ancora oggi la maggior parte dei documenti di natura politica o istituazionale sono stati esaminati. Documenti che erano stati considerati marginali e di seconda importanza da storici politici e istituazionali, come atti notarili, contratti salariali e acquisti, ma anche lettere, che sono state largamente ignorate. Ma questi sono i documenti che potrebbero darci molte dettagliate visioni, per esempio, sui contenuti della Lettera del Fieschi.

IF: Grazie.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s