Edward: Storia o invenzione?

Difficile a dirsi.

Si tratta di una storia di spionaggio e avventura ambientata nel Medioevo e, nonostante gli anni di ricerca e il rigore che ho cercato di mantenere nel rispettare i dati e gli avvenimenti storici, ammetto con piacere che almeno la metà dell’opera è frutto della mia fantasia.

Anche il più meticoloso degli storici può essere scusato se definisce la propria professione con qualcosa come: “lo studio di ciò che pensa di sapere sul passato”.

Diciamoci la verità: si discute tanto su vicende avvenute pochi anni fa, figuriamoci quando si tratta di secoli orsono… l’intervento di una certa parte della comunità internazionale nella Guerra Civile libica del 2011 fu motivato da un reale intento di soccorso umanitario nei confronti dei cittadini libici o dalla brama di poter dire la propria su come dovessero essere sfruttate le risorse petrolifere del Paese?

Svariate sono le risposte a questo e tantissimi altri quesiti posti negli ultimi anni.

image
La satira non ha risparmiato la versione ‘ufficiale’ dell’intervento internazionale in Libia nel 2011

Eppure, pensateci un attimo: esistono letteralmente centinaia di migliaia di documenti cartacei e digitali che ci possono fornire imformazioni sulla guerra civile del Libano.

Immaginate di dover studiare eventi storici risalenti al 1337 e 1338, gli anni in cui è ambientato Edward. Non esistevano giornali locali nelle città europee che registrassero gli avvenimenti quotidiani, né bloggers all’angolo della strada che potessero condividere il loro punto di vista sulle notizie del giorno.

Gli storici devono basarsi su un numero spaventosamente ridotto di testi, scritti per lo più da monaci ed ecclesiasti. Nella maggior parte dei casi i documenti originari sono andati in parte o del tutto distrutti e sono rimaste solo copie scritte a mano piene di errori.

Con così poche informazioni attendibili su avvenimenti così lontani da noi nel tempo, non stupisce il fatto che io non sia riuscito a trovare due storici che concordino su un qualsiasi evento storico dell’epoca medievale.

Non uno, credetemi! Eccovi un esempio: tra la fine del 1326 e l’inizio nel 1327, Roger Mortimer, un barone inglese, si coalizzò con la Isabella di Francia, sovrana d’Inghilterra, per poter imprigionare suo marito Edoardo II e prendere il controllo del paese. Molti li pensano amanti anche se non ne abbiamo prove certe.

Alcuni storici sostengono che Isabella fosse la mente e Mortimer il braccio. Altri attribuiscono tutta la strategia al Barone, altri ancora sono per uno sforzo congiunto, altri infine prediligono la teoria che il ruolo del leader spettò ad Isabella in alcune fasi del piano e a Mortimer in altre.

Kathryn and Isabella
Nel suo recente ‘Isabella of France: The Rebel Queen‘ (Isabella di Francia, la regina ribelle) storico britannico Kathryn Warner capovolge la tradizionale versione della storia di Roger Mortimer e Isabella di Francia, che ritiene il barone il vero leader, e fa notare centinaia di documenti che sostengono che la regina abbia giocato un ruolo di spicco.

Dunque, considerato un tale caso di incertezza nel mondo accademico, cosa può farci uno scrittore? Io ho solo descritto alcuni eventi nel modo in cui meglio si adattano alla materia e alla trama del mio libro, ben consapevole di attirare le critiche degli storici, indipendentemente da ciò che decido di riportare. E così sia.

Sono assolutamente soddisfatto nel definire Edward una narrazione di fatti storici e, allo stesso tempo, un racconto di storica fantasia!

Advertisements

One thought on “Edward: Storia o invenzione?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s